lunedì 28 dicembre 2015



LA DICIOTTESIMA LUNA | NO SPOILER ♥  #ohmiodiosonoinshock 

Ciao a tutti ragazzi avete passato buone feste ? avete mangiato fino a scoppiare? La vostra nebbia è offuscata a causa della nebbia ? pazienza.. io ho terminato da poco questo bellissimo libro , il terzo della saga "Le cronache dei maghi".

La saga riesce a mettere insieme realtà e fantasia che si fondono alla perfezione infatti i due mondi non sono separati ma convivono l'uno nel altro e devo dire che le autrici sono state molto brave a fare questo ovvero non si riesce a capire dove finisca la realtà e dove incominci la fantasia. 
Un altra abilità delle autrici è stata quella di calarsi perfettamente nei panni maschili cosa che non è facile e infatti in questo volume e nei due precedenti abbiamo il punto di vista di lui, Ethan, mentre nel ultimo abbaimo il punto di vista di entrambi.
Quando un autore si cala nei panni di una donna e viceversa non sempre riesce perchè ovviamente un uomo non pensa come una donna e quindi si tende sempre o ad esagerare o a non essere credibili a volte. Il libro potrebbe essere stato scritto perfettamente da un uomo.
Un altra cosa che ho notato e che mi è piaciuto molto è come la storia d'amore tra i due protagonisti viene descritta e sviluppata. Non è una storia d'amore convenzionale ( e si è capito) ha tantissimi colpi di scena soprattutto alla fine di questo volume e non è melensa, sdolcinata .. e non è il punto focale della storia, ovvero il resto non passa in secondo piano e il tutto ruota intorno alla storia d'amore , uno schema che poi alla fine tende a stufare parecchio. Nella prima parte del romanzo c'è anche una sorta di triangolo amoroso, che poi in realtà non c'è realmente , che mette un po di brio alla questione. 
I personaggi hanno un'evoluzione e abbiamo anche delle new entry interessanti come la cara Liv e il caro John che s'incontra nel secondo volume. John devo dire che non mi stava simpatico però poi alla fine mi sono ricreduto verso la fine in quanto verremo poi a conoscere degli aspetti molto brutti del suo passato.
Una cosa che non mi ha fatto rimanere l'amaro in bocca sono i cattivi. Sarafine che ha un legame con uno dei due protagonisti,vengono scoperte delle cose sul suo passato che prima non conoscevamo attraverso visioni ecc.. ma poi alla fine non è una vera e propria cattiva, ha fatto scelte sbagliate ma poi alla fine è risultato essere molto piatto come cattivo.. avrei voluto vederla più "strong" come anche Abraham altro personaggio cattivo chiave della vicenda che ho trovato insipido , insomma ridateci i cattivi di una volta quelli che ridono sguaiatamente , che fanno cose tremende , che non hanno cuore, ma mantiene un fascino suo.
I colpi di scena si susseguono per tutto il romanzo e sono davvero sconvolgenti e sono presenti in tutto il romanzo che appare molto altalenante, passa da un climax piatto a un climax alto, su e giù ..come la borsa.. ma le parti lente non sono affatto noiose sono parti invece a volte anche molto comiche.
Di questo romanzo mi sono piaciute molto le tematiche che vengono affrontate. Una tematica è quella della morte : la morte fa parte della vita , a volte è inevitabile però non è la fine di tutto , i nostri cari ci sono sempre vicino , ognuno lascia sempre qualcosa, un'impronta. 
Altro tema è quello della famiglia presentata non come il costrutto famigliare classico ma un nucleo dove c'è amore e che il genitore non è quello che ti mette al mondo ma quello che ti cresce e ti da amore . Ethan vive felicemente in una famiglia coi suoi problemi e poco convenzionale lo stesso anche Lena. 


VOTO 



Nessun commento:

Posta un commento