giovedì 16 aprile 2015



         MAGISTERIUM - L'ANNO DI FERRO


Ciao a tutti ragazzi
continuano le mie letture di aprile e oggi voglio recensirvi un libro che ho finito di leggere proprio ieri, ovvero "Magisterium" di Cassandra Clare e Holly Black.

  TRAMA

Quando raggiunge la grotta in cima al ghiacciaio, Alastair capisce subito che il Nemico l'ha preceduto. Sua moglie Sarah è stata uccisa, come gli altri maghi lì rifugiati. Solo il debole vagito di un neonato lo rincuora: suo figlio Callum, seminascosto accanto al cadavere della madre, è ancora vivo. Ma quando Alastair lo prende fra le braccia, le terribili parole incise nel ghiaccio da Sarah prima di morire lo fanno inorridire… Dodici anni dopo, quando Call viene ammesso al Magisterium, la prestigiosa accademia riservata ai ragazzi dotati di talento magico, suo padre è contrario: sin dalla più tenera età ha insegnato al figlio a diffidare della magia. E ora Rufus, il magister più anziano della scuola, lo ha ammesso all'Anno di Ferro, il primo del Magisterium. Call non può sottrarsi al suo destino. La magia scorre, in certe famiglie. Ma sul destino di Call incombe fin dalla nascita l'artiglio del Nemico. il fuoco vuole ardere, l'acqua vuole scorrere, l'aria vuol levarsi, la terra vuole avvincere, il caos vuol divorare.






PERSONAGGI

I personaggi sono descritti molto bene , alcuni non si riesce bene ad inquadrarli , forse questo succederà nei libri successivi come per esempio il padre nel nostro protagonista Alastair , un padre molto presente ma non sappiamo se sappia o meno determinate cose e vieta proprio al figlio Cal di partecipare al Magisterium e fa di tutto per ostacolare la sua permanenza.
Callum è un personaggio abbastanza tranquillo, non capisce al inizio del perchè gli padre gli imponga di non rimanere nella scuola e cerca di assecondare la volontà del padre poi però alla fine decide di rimanere.
Ricordiamo poi i suoi due amici, Tamara , l'amica un po saputella e il suo amico Aaron un po introverso e schivo.. il tutto vi ricorda qualcosa?


CONSIDERAZIONI 

Ero partito con alte aspettative che sono state deluse. Non è pretendessi una copia fedele a Harry Potter , ci mancherebbe , ma, seppur ci siano dei punti di contatto con l'opera della Rowling come per esempio i tre amici Call, Tamara e Aaron,il compagno che poi tradisce gli amici, il Magisterium, i professori che guidano i ragazziecc.. alcune cose non mi ha convinto.. La frase che compare dietro il libro sugli elementi viene ripetuta spessissimo nel libro e sinceramente questa cosa è veramente fastidiosa 
Una delle cose che non mi ha convinto è stata proprio questa scuola dove si viene ammessi facendo un test, a mio dire difficilissimo, che non la rende una vera e propria scuola quanto un centro di addestramento ma mi chiedo: le nozioni che dovevano apprende i ragazzi da chi le hanno sapute? 
Anche il comportamento del padre ,Alaster mi ha lasciato un pochino perplesso , in primo luogo per il comportamento che ha nei confronti di suo figlio: gli dice che non deve andare al Magisterium e stop , non spiegandogli i motivi del perché non deve andare ; e poi sulla parte finale non so se lui sa determinate cose che non sto qui a sploilerare.
La parte finale è stata come dare un colpo di scena a una narrazione a tratti noiosa. Al inizio parte molto bene poi però la parte centrale non solo è noiosa ma molto ripetitiva ; il finale , che poi darà inizio ad un secondo volume , l'ho vista come una forzatura , un modo per uscire da uno scema che se no sembrava come un qualcosa di già visto e allora hanno deciso di invertire i ruoli tra Call e Aaron e il finale , a mio avviso , potrebbe essere scontato però non lo so.
Mi dispiace molto perchè la Clare aveva fatto un ottimo lavoro con Shadowhunters,l'altra scrittrice non so chi sia , non ho mai letto nessuna delle sue opere.E' come se in questo libro mancasse il marchio della Clare che si trova nelle sue opere.


VOTO 

Dare un voto a questo libro non è facile ma proverò lo stesso 




LIBRO IN LETTURA : LA FAVOLOSA VITA DI HENRY N.BROWN




Nessun commento:

Posta un commento