mercoledì 29 aprile 2015



MAZE RUNNER LA RIVELAZIONE E CONSIDERAZIONI SULLA TRILOGIA 

CIAO A TUTTI eccomi tornato con un'altra recensione. Oggi voglio parlarvi del terzo volume della trilogia distopica Maze Runner e fare una considerazione sulla saga in generale per esporvi i motivi che mi hanno portato a non amare questa saga. Sul mio canale youtube ho una rubrica dove appunto parlo delle saghe promuovendole o bocciandole.

Non vi farò Spoiler e cercherò di essere il più esauriente possibile. 
Maze Runner parte con il primo volume il labirinto che aveva un bel potenziale: coinvolgente, misterioso, con una narrazione molto veloce, con la presenza di questo labirinto che non si sa cos'è.. chi c'è dietro ecc.. la presenza poi di un' unica donna , Theresa, in un gruppo formato da soli maschi che conosce Thomas , il protagonista ma non si sa perché lui non ricordi nulla di lei e per finire ci sono questi Dolenti che sono queste macchine molto pericolose la cui puntura potrebbe portare il mal capitato a uno stato di semi coma.
Questo volume mi è piaciuto molto , l'ho trovato ingegnoso innovativo anche perché il labirinto ha sempre avuto un suo fascino , una sorta di enigma da risolvere.

Il secondo volume, La fuga, si discosta totalmente dal primo e io pensavo che erano due volumi completamente diversi ; vengono spiegate determinate cose e ne subentrano altro ma queste due cose collidono tra di loro. Viene detto ai nostri cari rinchiusi nel Labirinto, detti Radunai , che il mondo è stato infestato da una tempesta solare e che è scoppiata un'epidemia chiamata Eruzione che praticamente rende le persone pazze, in quanto questo mordo attacca il cervello; se vogliono salvarsi devono raggiungere questo Porto.. e basta.. non viene spiegato il nesso che lega la malattia e le tempeste solari: se è stata una conseguenza.. se non lo è stata , da dove derivi questa malattia.. nulla si sa solo che loro devo intraprendere questo viaggio rendendo il volume parecchio noioso, ripetitivo, con delle situazioni che si ripetono.La saga con questo primo volume va calando tantissimo perchè non mantiene il coinvolgimento che aveva il primo.

Passiamo ora al terzo volume.. la rivelazione.. domanda : cosa c'entra il titolo? 
Assolutamente nulla. La rivelazione non c'è.Non so con che criterio si sia scelto il titolo.. mistero. 
Il nostro caro Thomas si trova ancora in situazioni estreme con l'organizzazione che poi scopriamo già alla fine del primo , essere dietro alla costruzione del labirinto la CATTIVO , che tenta in tutti i modi di catturarlo , ma lui scappa , tenta di fuggire e alla poi subentra un personaggio che avevamo lasciato nel primo capitolo.
La saga non mantiene lo stesso ritmo. Nel primo volume c'è un ritmo molto veloce , ci sono colpi di scena anche se questo tipo di narrazione ha lasciato indietro parecchie cose che potevano essere approfondite.
La storia d'amore che qui poteva e doveva esserci non c'è.Se qui ci fosse stata una storia d'amore tra Thomas e Theresa o anche un triangolo amoroso tra Thomas , Theresa e Brenda sarebbe stato di gran lunga interessante e non avrebbe reso noioso e meno ripetitivo il secondo volume e avrebbe fatto maturare il nostro protagonista.
Per quanto riguarda il protagonista appunto e gli altri protagonisti non ho trovato una crescita, una maturazione del personaggio che in questo contesto ci doveva essere. Al inizio troviamo un Thomas e i Radunai molto immature seppur ben organizzati, e un Thomas anche lui spaesato , catapultato in questo labirinto senza una ragione e senza ricordare nulla.Man mano che si leggono gli altri volumi e quindi la storia va avanti,i personaggi rimangono come gli abbiamo trovati al inizio e non c'è una crescita, non ho visto , per esempio, Thomas prendere delle decisioni con la sua testa invece si lascia trascinare dagli eventi e non ho mai visto un atto di vera ribellione nei confronti delle famigerata CATTIVO.
Il finale poi non ha alcun senso, si conclude tutto in maniera caotica con una morte che non ha assolutamente senso , con un ritorno al punto di partenza e la cosa che mi ha lasciato veramente basito è come questa CATTIVO famigerata organizzazione creata per il bene del pianeta e degli umani ( che non sappiamo mai , o almeno io, se è buona o cattiva) si fa mettere nel sacco da quattro pivelli che usano un linguaggio a dir poco infantile, come PIVE , PLOFF ecc.. il tutto finisce nel aere perso
Ed è un vero peccato perchè il tutto era partito bene ma poi gli deve essere sfuggito qualcosa di mano.

VOTO 
Penso che questo sia il voto adatto ed è veramente un peccato.


Nessun commento:

Posta un commento